DETTAGLIO NEWS

Importante novità – Legge Regionale n. 40/2002

Contributi pubblici per l’innovazione, l’acquisto di hotel, stabilimenti balneari, centri per il benessere fisico, sale da ballo e ristoranti
29.09.2016

Si presenta ora, grazie a recenti modifiche migliorative, l’opportunità di ottenere significativi contributi per le aziende che intendono investire per la riqualificazione della propria attività turistico ricettiva attraverso l’attivazione di un finanziamento assistito dai contributi della legge 40/2002.
Sempre di più, oggi, una equilibrata ed oculata gestione finanziaria può determinare per le aziende turistico ricettive migliori prospettive di sviluppo e sicuramente questa normativa risponde a criteri di convenienza e fattibilità; lo schema sotto ne evidenzia gli aspetti più significativi.

Chi può ottenere i contributi?

Imprese private singole o associate che svolgono la seguente attività:
alberghi, campeggi, villaggi turistici, rifugi montani, ostelli, bagni spiaggia, servizi vari di intesse turistico e di complemento alla ricettività, sale da ballo e i ristoranti situati all’interno delle zone omogenee A (centri storici) definite dagli strumenti urbanistici Comunali.
La richiesta di contributo può essere presentata dal proprietario della struttura sulla quale si intende intervenire o dal gestore della stessa.

In che cosa consistono?

Contributo ad abbattimento interessi, massimo 2 punti percentuale.
L’erogazione del contributo è condizionata alla conclusione dei lavori e dalla rendicontazione degli stessi.

Che cosa finanzia?

Tutti gli interventi strutturali e le spese riguardanti attrezzature e arredi 
Sono ammesse al contributo anche le spese per l'acquisto di aree ed immobili riferite all’attività.
Inoltre le spese tecniche e gli imprevisti sono ammesse, rispettivamente, nella misura massima del 20% delle spesa ritenuta ammissibile

Importi?

- importo minimo della spesa per l'intervento 20.000,00 Euro;
- importo massimo dell'importo del mutuo1.875.000,00 Euro. 

Quando realizzare l’intervento?

I lavori potranno essere iniziati non oltre i 12 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda alla Cooperativa di garanzia.

Quale è la scadenza per la presentazione della domanda?

La richiesta da presentare alla Cooperativa di Garanzia potrà avvenire per tutta la durata dell’anno, compatibilmente con le risorse assegnate. 
Per ulteriori informazioni telefonare alla sedi della Cooperativa di Garanzia Creditcomm al 0547/25620, al 0543/34771 oppure rivolgersi alle sedi della Confesercenti presenti nella provincia di Forlì Cesena.